Vendita articoli per agricoltura, giardinaggio, casalinghi, detersivi e alimenti per cani e gatti

Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Suggerimenti per la raccolta e lo stoccaggio delle olive.

 

Fonte: Regione Toscana-Servizio fitosanitario

 

Per quanto riguarda le caratteristiche varietali si ricorda anche che le principali cultivar presenti
in Toscana sono riconducibili al seguente schema di massima:
Leccino maturazione precoce e uniforme. Moraiolo maturazione tardiva e uniforme. Frantoio
maturazione tardiva e scalare. Pendolino maturazione tardiva e scalare.
Può essere utile sottolineare che rispetto a questo schema in questa campagna 2017, a causa
dell'andamento stagionale, e del forte stress idrico subito dalle piante si notano delle forti
variazioni per quanto riguarda l’invaiatura, e si può evidenziare molto spesso un'invaiatura
(cambio del colore esterno del frutto) molto avanzata su quasi tutte le varietà, ricordiamo
inoltre, che il colore della buccia non ha una diretta correlazione con la maturazione fisiologica
del frutto nelle sue parti. Quindi è fondamentale eseguire una attenta analisi del reale stato di
maturazione inolizione.
Con le informazioni derivanti da studi scientifici a disposizione, si può affermare che le migliori
caratteristiche organolettiche e di conservabilità dell'olio si ottengono tendenzialmente con
olive che non hanno ancora raggiunto la completa maturazione, anche definita maturazione
fisiologica.
Ovviamente queste considerazioni devono essere unite alle caratteristiche organizzative
aziendali a carattere tecnico che necessariamente influiscono sulla scelta dell’epoca di raccolta.
Tra queste si segnala l’opportunità di procedere ad una raccolta anticipata SOLO in occasione di
infestazioni di mosca olearia ai primi stadi di sviluppo (uova, larve di prima e di seconda età).
Anticipare la raccolta consentirebbe in questo caso di frangere le olive prima che le larve
all’interno delle drupe determinino danni sensibili alla qualità dell’olio, danni che si manifestano
con valori di acidità e perossidi più elevati e con la presenza di difetti organolettici riscontrabili
all’assaggio. In tal caso importante non solo l'anticipo ma ancor più la tempestiva raccolta,
infatti sarebbe del tutto inutile iniziare anticipatamente per poi effettuare la raccolta in tempi
molto lunghi.
Ricordiamo alcuni principi elementari utili nel perseguire la qualità organolettica dell'olio
prodotto.
Il distacco delle olive deve avvenire manualmente o mediante mezzi meccanici (agevolatori o
scuotitori); I tempi di stoccaggio delle olive in attesa della frangitura dovranno comunque
essere ridotti al minimo, si parla di tempi inferiori alle 48/36 ora in caso di olive molto sane, a
maggior ragione quelle più colpite dalla mosca in cui sarà importante in conferimento in serata
delle olive raccolte.
Nel caso si debbano immagazzinare olive sane, comunque per brevi periodi, in attesa della
frangitura, sarà comunque necessario mantenerle in strati non superiori ai 10 cm di spessore
in cassette di plastica forate (e all’occorrenza pulite), impilate l'una sull'altra, in locali freschi e
ben aerati, al riparo dall'acqua, dal vento, dalle gelate e specialmente lontano da odori
sgradevoli (stalla, gasolio, etc.).
Possono apparire pratiche lontane nel tempo ma è sempre bene evidenziare anche cosa non
fare assolutamente, ricordandoci che partite gestite male e non idee alla frangitura possono
causare rallentamenti nelle lavorazioni per la necessità di ulteriori lavaggi degli impianti o
possono anche essere rifiutate dai frantoi.
Sono da sconsigliare la "bacchiatura" con canne o pertiche e la raccattatura delle olive da
terra; in questi casi infatti si andrà incontro, rispettivamente, al danneggiamento dei frutti e al
recupero di olive in sovra maturazione molto spesso attaccate dalla mosca olearia. Queste olive
cadute, che sono state più o meno a lungo a contatto con terreno, erba e altri elementi esterni,
possono subire degradazioni ossidative o fermentative che conferiscono sapori sgradevoli
all’olio.
E’ sempre preferibile evitare di accatastare le cassette con le olive all’aperto sotto teli di
plastica, e comunque scegliere luoghi molto ben riparati dal sole e dai venti freddi.
E' assolutamente da evitare l'accumulo di olive in sacchi di juta, di plastica o in mucchi a terra.

manisol

Manisol è un concime in polvere bagnabile per applicazioni fogliari.

 

Oltre a costituire un importante apporto di rame per le esigenze nutrizionali della pianta Manisol rappresenta una efficace protezione nei confronti dei colpi di calore e

delle bruciature causate dalle radiazioni solari. Infatti il film biancastro che si forma sulla pianta trattata con Manisol la protegge dai raggi solari e dai rischi di scottature, riduce la evapotraspirazione, e consente il mantenimento di una adeguata umidità dei tessuti vegetali.

 

Grazie alla sua particolare formulazione Manisol rimane molto aderente alle parti trattate ed è perciò difficilmente dilavabile anche da forti piogge.

 

OLIVO: 3-4 kg/hl  2-3 trattamenti dall’allegagione all’invaiatura (30-40 kg/ha)

 

POMODORO: 2 kg/hl durante la maturazione (15 kg/ha)

La presentazione del pomodoro nero SUN BLACK

Questo video è stato girato presso l'Agraria IL PONTICELLO durante la presentazione del pomodoro nero SUN BLACK. Ringraziamo la relatrice Dott. Lucia Paoletti e l' Azienda L' ORTOFRUTTIFERO di loc. Arena Metato Pisa.

Il pomodoro nero Sun Black frutto della ricerca Italiana, deriva da un progetto sviluppato e coordinato dalla Scuola superiore Sant’Anna di Pisa in collaborazione con le Università di Pisa, Modena, Reggio Emilia e Viterbo. L'obbiettivo raggiunto, è quello di avere concentrato in un unico alimento le proprietà nutraceutiche e benefiche del pomodoro e dei frutti a buccia nera, come il mirtillo e l'uva nera.

 

Il Sun Black, NON è un derivato OGM ma è stato ottenuto con la tecnica dell'incrocio naturale delle specie. I genitori hanno la particolarità, uno di possedere antociani nelle foglie e nel fusto, l'altro di contenerne una piccolissima quantità nella buccia. Dalla loro unione è nato il pomodoro con la buccia nera ricchissima di antociani, potenti antiossidanti utili a contrastare la formazione dei radicali liberi e, quindi, a rallentare il processo di invecchiamento.

 

La polpa del frutto mantiene il classico colore rosso del pomodoro maturo ricco di licopene. In commercio si trovano diverse varietà di pomodori a buccia scura, ma è tale solo per un difetto genetico, dovuto alla mancata degradazione della clorofilla che normalmente avviene durante il processo di maturazione dei frutti. Solo il Sun Black quindi presenta buccia scura per la presenza di antociani.

 

Il pomodoro Sun Black dopo un lungo periodo di sperimentazione, la scorsa primavera è stato lanciato in esclusiva europea dall’azienda l'Ortofruttifero di Pisa che ne detiene tutti i diritti commerciali per altri quattro anni.

La caratteristica di pianta semideterminata (pianta dal contenuto sviluppo vegetativo), ne permette la coltivazione con ottimi risultati anche sul balcone, con la possibilità di scelta tra le due varietà: ciliegino e grappolo.

 

Altro elemento distintivo del Sun Black è la maggiore serbevolezza e la minore sensibilità alla muffa , patogeno che in condizioni “normali” colpisce i pomodori dopo la raccolta.

 

La resistenza si deve proprio al potere antiossidante degli antociani: il pomodoro nero infatti dimostra che il segreto della resistenza ai funghi è proprio nella sua buccia nera.

Il Pomodoro: il re dell'orto.

Il Pomodoro: il re dell'orto.

Incontro d'informazione sulla corretta coltivazione del pomodoro.

 

Programma per la giornata di SABATO 19/03/2016

Dalle ore 16:00 alle 17:00

  • preparazione del terreno e concimazione
  • stagionalità
  • trapianto
  • esigenze climatiche delle principali specie ortive
  • rotazioni e consociazioni
  • come prevenire le carenze nutritive: macerati e compost
  • fabbisogno idrico delle principali specie ortive

Dalle ore 17:00 alle ore 18:00

  • coltivazione
  • varietà: da quelle locali e tradizionali al pomodoro Sun Black
  • come prevenire e difendere le piante dei principali patogeni

 

Relatore della giornata sarà la dottoressa Lucia Paoletti tecnico dell'azienda L' ORTOFRUTTIFERO in località Arena Metato, San Giuliano Terme (PI).

Ingresso Libero

Ultimo incontro sulla potatura dell' olivo

Venerdì 11 marzo alle ore 21.30

presso la canonica della Chiesa del paese di Strettoia di Pietrasanta

Ingresso libero aperto a tutti gli interessati

 

Un grande ringraziamento a Goffredo che ci ha costruito e regalato questa splendida scultura in legno. Oggi 15 07 2014

 

Sono SOSPESE le consegne di pulcini, polletti e galline. Le prenotazioni vanno fatte entro la mattina, o del lunedì , per la consegna del martedì, o del giovedì, per la consegna del venerdi.